Export Prosecco, Cai: bene interrogazione De Castro in Europa

Comunicato n. 

(Roma, 8 gennaio 2018) “L’interrogazione dell’onorevole Paolo De Castro, vicepresidente della Commissione Agricoltura al Parlamento europeo, sulla tutela dell’indicazione geografica del vino Prosecco negli Stati Uniti, che rappresenta il 25% del vino italiano negli Usa e che, anche nel 2017, ha aumentato i volumi di vendita nel mondo”.

Così il presidente della Confederazione degli Agromeccanici e Agricoltori Italiani (Cai), Gianni Dalla Bernardina, che ringrazia il vicepresidente della Commissione Agricoltura, Paolo De Castro, per l’impegno a difesa del sistema delle indicazioni geografiche, sul quale poggia la crescita del Made in Italy.

“La Commissione europea dovrebbe intensificare gli sforzi per promuovere le produzioni tipiche ed esigere una maggiore protezione all’estero, dove i fenomeni di agro-pirateria e sounding danneggiano la sicurezza delle esportazioni sul piano della qualità, della provenienza e del reddito – prosegue Dalla Bernardina -. Il fenomeno del Prosecco prodotto in Moldavia, stigmatizzato da De Castro, è uno dei tanti casi di concorrenza sleale”.

“Della crescita del Prosecco, uno dei vini di qualità che meglio ha saputo incontrare il gradimento all’estero, anche fra i Millenials – ricorda il vicepresidente di Cai, Sandro Cappellini - sono artefici e hanno beneficiato anche le imprese di meccanizzazione agricola, che con le mappe di vigore, l’utilizzo dei droni, dell’agricoltura di precisione e delle innovazioni agro-meccaniche hanno contribuito a implementare la qualità del vino”.

 

Servizio Stampa CAI

 

Roberto Guidotti                                                                              Matteo Bernardelli               

Cell. 3384098060                                                                             Mob.: +39 338 5071198     

guidotti@caiagromec.it                                                                     http://twitter.com/GeorgicheJack